La storia dell'OEP3
una sintesi durata oltre trent'anni...
 

Ci racconta Luca Cattaneo, ideatore del Metodo OEP3:

"L’idea dell’orientamento delle energie mi accompagna da molti anni.
Sin da ragazzo sono stato consapevole della possibilità di dare differenti direzioni alle potenzialità, scegliendo alcune volte di finalizzarle in una direzione costruttiva  e molte altre di sprecarle o disperderle inefficacemente.
Ho sperimentato questa realtà innanzitutto su me stesso, trovandomi molte volte a ripensare alle scelte fatte, ai pensieri ed alle emozioni che ho deciso di “seguire”, alle conseguenze  di queste scelte e di queste esperienze, alle tante  occasioni perdute o acchiappate per la coda…
Alcune di queste scelte, le “faccende” e la “magia”  della vita mi hanno portato  poi ad occuparmi del benessere e della crescita personale delle persone ed anche in questo caso, in questi lunghi anni di lavoro, studio e ricerca, l’elemento che mi ha colpito di più e che più di ogni altro ha saputo catturare  la mia attenzione, nel relazionarmi con le situazioni della gente…è stato la sottile ed impalpabile differenza che molto spesso separa un esperienza drammatica da una felice. Questa differenza è il modo con cui si orientano le proprie energie. Le energie umane sono dei potenziali, alla pari dell’energia elettrica, cinetica  o meccanica…
La fisica elementare  insegna che l’energia non si crea né si distrugge, ma si trasforma.
Ogni trasformazione energetica provoca  una certa dispersione sotto forma di calore, e in questo continuo ciclo di trasformazione, l’energia tende inesorabilmente al disordine.
Per chiarire maggiormente questo concetto possiamo pensare  a come si disperda una gocciolina di inchiostro in un bicchiere d’acqua o a come crolli facilmente un castello di carte. Per ottenere il processo inverso, e cioè separare l’inchiostro dall’acqua o costruire il castello di carte occorre dell’energia esterna, mentre il disordine avviene “spontaneamente”.
Un’osservazione , anche superficiale, della realtà  pare confermare questa ipotesi: è molto più facile distruggere un edificio che costruirlo, così come è più facile creare il disordine piuttosto che l’ordine…
Questa naturale “tendenza” al disordine è presente anche nella vita e nel comportamento umano: basti pensare a quante volte nel nostro percorso quotidiano ci troviamo a “sprecare” letteralmente energia  irrigidendoci sia da un punto di vista fisico che mentale, cristallizzandoci su qualche argomento, utilizzando un eccessivo coinvolgimento emozionale, costruendoci aspettative esagerate, modelli di vita irrealizzabili, ritmi talmente frenetici che costringono il nostro organismo a dare segnali di squilibrio…
Orientare efficacemente le proprie energie significa imparare ad ottimizzarle,  utilizzarle nel modo più utile, ad economizzarle in alcuni casi , conoscendone e rispettandone la loro natura  e struttura.
Nell'ideare questo metodo ho operato una sinergia tra "mondi" apparentemente molto distanti e differenti che ho incontrato nel mio percorso di vita, di pratica e di lavoro: quello della Medicina Energetica e delle Tecniche Energetiche della antica Medicina Tradizionale Cinese (MTC) , le antiche Scuole di Meditazione e la "Cultura della Presenza Mentale" ; le scoperte delle Neuroscienze e della moderna Programmazione Neurolinguistica , l'attenzione all'eccellenza mentale, e allo studio delle percezioni soggettive e dei programmi ad esse collegati...e l'universo affascinante e suggestivo dei codici esoterici di rappresentazione della ciclicità e della realtà, come l'Astrologia Energetica.
Le tecniche di Meditazione, di MTC del Qi Gong e del Tai Chi ( oltre che la conoscenza della filosofia dei meridiani , delle arti marziali e dell'agopuntura che questo patrimonio ha prodotto) mi accompagnano sin dagli anni '80, quando , come utente ho cominciato a praticare le arti interne. Successivamente, negli anni '90 ho deciso di seguire un impegnativo percorso di formazione e dopo aver praticato anni con le scuole Taoiste, sono passato a quelle Buddiste, nell'ambito delle quali mi sono diplomato, iniziando a insegnare sin dal 1997. Gli studi sulle tecniche e i percorsi di PNL, di ipnosi e comunicazione non verbale (CNV) sono invece iniziati, spontaneamente, dopo l'esperienza degli stati di coscienza alterata che si producevano con il Qi Gong, iniziando nel 1998 una serie di percorsi di studio e crescita personale che mi hanno portato, fra l'altro, a completare la formazione come Master Trainer PNL.
La ricerca e la pratica dei codici esoterici, indispensabile per cogliere ed integrare la conoscenza della ciclicità delle manifestazioni energetiche, mi ha invece accompagnato in questo percorso per oltre 30 anni, passando attraverso migliaia di elaborazioni di temi natali Astrologici (che mi hanno portato a strutturare l'Astrologia Energetica che insegno sin dal 1998) ed approfondendo in modo particolare l'analisi di Ching, libro dei mutamenti della filosofia taoista.
Nei lunghi anni di elaborazione dell'OEP3, inoltre, le mie esperienze di lavoro quotidiano come Naturopata mi hanno consentito di cogliere e apprezzare sempre meglio il delicato complesso di meccanismi biologici, nutrizionali, ambientali che stanno dietro al benessere umano....
La mia storia personale e la mia preparazione "globale" come Ricercatore, Naturopata, Insegnante di Qi Gong e Master Trainer PNL , mi hanno dunque consentito di spaziare in tutti gli ambiti dell'utilizzo delle energie umane: fisico, emozionale, mentale, e spirituale...
l metodo OEP3 rappresenta la sintesi "estrema" di questo percorso interculturale.
Una proposta di condivisione che ognuno può utilizzare per se, per portare maggior benessere, chiarezza , consapevolezza ed eccellenza nella propria vita o che può scegliere di condividere con gli altri, partecipando ai livelli più avanzati del percorso formativo.
Questo concentrato di modelli, idee, strategie e pratiche , comprende quelle più efficaci e funzionali per il benessere globale , fra tutte quelle che ho incontrato in questi lunghi anni...
L'idea di elaborare un metodo "nuovo", con una propria sistematicità ed un preciso programma di formazione, nasce dall'esigenza di poter condividere, più velocemente, i "risultati" dell'OEP3, senza necessariamente dover compiere tutto il lungo percorso interdisciplinare che ho dovuto ( e voluto!) percorrere io...
Senza nulla togliere al valore assoluto delle singole discipline che ho studiato, praticato , insegnato e amato per anni (e che studierò, praticherò, insegnerò ed amerò ancora.. ..) la proposta dell'OEP3 è molto più specifica per tutto ciò che concerne la conservazione, ottimizzazione e valorizzazione delle energie umane.
Il lavoro di sintesi che conduco da anni mira ad elaborare le migliori tecniche di Orientamento Energetico, e a sperimentarle nel quotdiano. Il campo di applicazione del metodo OEP3 è praticamente infinito...
Orientare le proprie energie aiuta ad essere più in forma, ad avere le idee più chiare, a definire e realizzare più facilmente i propri obiettivi, a ristrutturare le idee limitanti, a migliorare la qualità delle relazioni, a gestire meglio e padroneggiare le proprie emozioni ed il proprio linguaggio. "